Rasi: “Italia deve contare di più nell’Europa del farmaco”

“Milano ha perso l’Ema, ma l’Italia deve e può contare di più nell’Europa del farmaco”. Lo sostiene il direttore dell’Agenzia europea per i medicinali (Ema) Guido Rasi, in un’intervista al ‘Corriere della Sera’.

In gioco, sostiene, ci sono le cure del futuro: se, come e per quanti ammalati il nostro Paese sarà in grado di finanziarle, ma anche la possibilità per i pazienti di avere il prima possibile nuove medicine per gravi malattie.

Ma come fa l’Italia a contare di più? “Per essere influente un Paese deve investire nella propria agenzia nazionale, che nel caso dell’Italia è l’Aifa, e imporle un raccordo strategico con l’Ema – dice Rasi -. Attualmente l’Aifa con i suoi 450 dipendenti è pesantemente sottodimensionata e poco connessa al network europeo. I governi dei Paesi influenti consultano Ema regolarmente per la loro programmazione di spesa e investimenti e per ricevere indicazioni su quali profili di esperti siano più efficaci per le loro strategie”.

E se nei giorni scorsi la stessa Ema ha evidenziato problemi di staff legati al trasferimento ad Amsterdam, anche per Aifa è un momento di svolta: il ministro della Salute Giulia Grillo ha avviato la selezione pubblica per rinnovare i vertici dell’Agenzia. “Io non mi permetterei mai di avanzare nomi e suggerimenti. Ma mi dispiace non potere essere maggiormente utile al mio Paese”, dice Rasi, convinto che l’Italia debba partecipare ai tavoli Ema con più convinzione.

“La scienza è assoluta, ma ogni Paese ha caratteristiche socioeconomiche diverse: ciascuno deve garantirsi che nel processo di valutazione del costo-beneficio di una terapia innovativa venga preso in considerazione anche l’uso ottimale del farmaco nel contesto del proprio Paese”. Insomma, “l’Italia deve e può contare di più. Oltretutto il contributo scientifico è generosamente remunerato da Ema. La Gran Bretagna incassava 16 milioni di euro l’anno. È una partita da non perdere”, conclude.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.
Leggi anche...
Le Fonti - New Pharma Italy TV
Imprese d'Eccellenza
Non sono state trovate imprese
Non sono state trovate riviste
Non sono state trovate riviste
Non sono state trovate riviste
Non sono state trovate riviste
Non sono state trovate riviste
Rimani aggiornato
Speciale Coronavirus
Covid Italia, ricoveri in calo da sette settimane: report Fiaso
Covid oggi Toscana, 285 contagi e 14 morti: bollettino 1 febbraio
Covid oggi Sardegna, 236 contagi e 5 morti: bollettino 31 gennaio
Covid oggi Lazio, 1.114 contagi e 3 morti. A Roma 639 nuovi casi
Covid, Iss: “Resta emergenza, non abbassare la guardia e vaccinarsi”
Covid oggi Calabria, 235 contagi e 3 morti: bollettino 31 gennaio

ACCESSO NEGATO

Newsletter

Iscriviti ora per rimanere aggiornato su tutti i temi inerenti la salute.