Dieta dopo le feste: ecco come perdere peso senza rischi

Dopo le feste, spesso ci si sente appesantiti e si considera l’idea di mettersi a dieta. Non si deve però cadere nell’errore di cercare soluzioni lampo che promettono risultati miracolosi, è consigliabile infatti adottare un approccio salutare ed equilibrato. Il nutrizionista Stefano Erzegovesi offre preziosi consigli su come rimettersi in forma senza rinunce estreme.

Dieta dopo le feste, evitare soluzioni lampo

Innanzitutto, Erzegovesi ribadisce l’importanza di non sentirsi in colpa per aver mangiato più del solito durante le feste. Accumulare qualche chilo nel corso di questo periodo è accettabile e non ci si deve colpevolizzare troppo.

La cosa fondamentale, però, secondo il nutrizionista, è quella di non cedere alle diete lampo. Dimagrire in modo troppo rapido può avere ripercussioni sulla salute, sia fisica che mentale, e può portare a un nuovo aumento di peso nell’immediato in modo ancor più significativo.

Mangiare meglio e includere i carboidrati

Quale dieta dunque assumere dopo le feste? Il nutrizionista suggerisce d’iniziare a mangiare in modo sano e bilanciato per sentirsi bene e perdere peso gradualmente. La chiave è trovare un equilibrio tra cibi gustosi e benefici per la salute. Una cosa non scontata né semplice, certo, ma che con un po’ d’impegno può portare a ottimi risultati anche nel lungo periodo.

Erzegovesi smentisce la credenza che i carboidrati facciano ingrassare e che eliminandoli si dimagrisca. Invita a concentrarsi su carboidrati integrali, evitando eccessi che potrebbero portare a successivi episodi di alimentazione compulsiva. Dunque, non si devono eliminare del tutto i cibi che li contengono, ma anche in questo caso la parola d’ordine è “equilibrio”.

Ecco alcuni consigli dell’esperto per perdere peso in modo graduale:

  • Cenare entro le 20 e non consumare cibo fino alle 8 del mattino, permettendo un digiuno di 12 ore.
  • Ridurre il consumo di proteine animali, grassi saturi e carboidrati raffinati.
  • Aumentare le porzioni di verdure, cereali integrali, legumi e frutta, ricchi di fibre e antiossidanti.

Inoltre, propone un mini digiuno intermittente 12:12, dove si mangia in una finestra temporale di 12 ore e si digiuna per altre 12 ore. Questo può favorire i processi di detossificazione notturna.

L’importanza della colazione e altri consigli

Gli esperti non si stancheranno mai di ribadire quanto sia importante una colazione equilibrata, ricca di carboidrati integrali, fibre, probiotici e antiossidanti. Per quanto riguarda i dolci, il consiglio è quello di limitarli il più possibile senza eccedere.

A pranzo, andrà bene un antipasto di verdure e porzioni bilanciate di pasta integrale, legumi e proteine magre. A cena, invece, via libera ai carboidrati integrali e proteine, privilegiando il pesce “azzurro” per i suoi benefici antinfiammatori.

Incorporare erbe e spezie come origano, peperoncino, basilico, e curcuma, per migliorare il carico glicemico, l’effetto antiossidante e detossificante è un’altra soluzione.

Snack, dolci e alcolici

La fame a volte può prendere il sopravvento, l’esperto nutrizionista consiglia i dolci, in quantità moderate, solo a colazione. Nel corso della giornata, come spezzafame, meglio optare per frutta secca, frutta e prodotti salutari, evitare snack e cibi esageratamente raffinati.

Infine, è fondamentale ridurre al minimo il consumo di alcolici mentre è consigliabile bere molta acqua nel corso della giornata.

Leggi anche: Che cos’è l’emotional eating e perché fa male

Leggi anche...
Le Fonti - New Pharma Italy TV
I più recenti
Cos’è il colera: i sintomi e dov’è ancora diffuso
Smog e problemi respiratori, bambini più a rischio: i consigli degli esperti
Cos’è la malattia del cervo zombie: cause e sintomi
Che cos’è l’ipersonnia: può essere sintomo di una patologia

Newsletter

Iscriviti ora per rimanere aggiornato su tutti i temi inerenti la salute.