Quali sono gli effetti collaterali della creatina? Eccoli tutti

Spesso viene utilizzata da chi fa palestra, ma non sempre c’è un’approfondita conoscenza su di essa. Ecco gli effetti collaterali della creatina e le conseguenze del suo abuso, tra verità e miti da sfatare.

Che cos’è la creatina

La creatina è un derivato amminoacido molto diffuso tra chi pratica attività fisica, soprattutto palestra, poiché aiuta gli atleti nella crescita muscolare. Contribuisce durante gli allenamenti ad amplificare le performance e inoltre rafforza la muscolatura, con tutti i vantaggi che ne derivano.

Ciononostante, oltre ai pro ci sono anche i contro, anche se non sempre sono veritieri. Infatti, sulla creatina sono nate molte leggende metropolitane e alcuni miti da sfatare, eccone alcuni.

La creatina non fa perdere i capelli

Il mito più comune quando si parla di creatina è che faccia perdere i capelli. La nascita di questa credenza risale al 2009, quando uno studio sudafricano aveva dimostrato come essa potesse aumentare i livelli di diidrotestosterone, associato alla caduta dei capelli.

Successivamente, però, sono state condotte altre ricerche, anche di grossa portata, che non hanno confermato questa teoria. Nello specifico, la smentita arriva da più di 500 casi studio, dai quali non è emersa alcuna correlazione.

Di conseguenza, almeno da questo punto di vista, chi assume la creatina può stare sereno: non c’è alcun collegamento tra la creatina e la calvizie. Esistono però altri effetti collaterali che derivano dal suo abuso, ecco quali sono.

Gli effetti collaterali della creatina

Dopo aver capito che la creatina non porta alla perdita di capelli, è il momento di vedere quali sono invece gli effetti collaterali ad essa correlati. Iniziamo subito con una precisazione: la sua normale e corretta assunzione non porta ad avere alcun problema.

Discorso diverso quando si parla dell’abuso della sostanza o della sua assunzione in modo particolarmente prolungato. L’utilizzo costante della creatina, in alcuni casi, ha portato a disidratazione, diarrea e crampi.

Anche se più raramente, si sono riscontrati problemi renali e cardiaci ma sempre in seguito a un utilizzo prolungato. Di conseguenza, è consigliato assumere questo integratore nelle giuste dosi, senza eccedere. Il suo utilizzo è invece sconsigliato per chi soffre di problemi ai reni o al cuore, poiché potrebbe impattare in modo negativo.

Le controindicazioni

Oltre a quanto già detto in precedenza, è sconsigliata l’assunzione di creatina alle persone che soffrono di bipolarismo e diabete. Questo integratore può anche interferire con i farmaci nefrotossici e sembra possa interagire con la caffeina.

Infine, può essere protagonista di un aumento di peso associato a ritenzione idrica. Proprio a causa di quest’ultima, è consigliato bere molta acqua. Come di consueto, il consiglio, soprattutto nel caso di assunzione di farmaci o di casistiche specifiche, è quello di consultare il proprio medico curante così da utilizzare tale integratore in completa sicurezza.

Leggi anche: Troppi allenamenti fanno male? Ecco quando diventa dipendenza

Leggi anche...
Le Fonti - New Pharma Italy TV
I più recenti
Cucinelli investe nella ricerca contro il cancro con Tes Pharma e il Fondo XGen Venture
In arrivo la (H)-Open Week sulla salute della donna di Fondazione Onda
Fondazione Menarini presenta la Carta di Firenze contro l’ageismo sanitario
Tethis S.p.A. annuncia l’arruolamento dei primi due pazienti nello studio clinico della piattaforma See.d

Newsletter

Iscriviti ora per rimanere aggiornato su tutti i temi inerenti la salute.