Maxi processo Spada, associazione di stampo mafioso confermata in Appello  

LinkedIn

Confermata in Appello l’associazione a delinquere di stampo mafioso per il clan Spada. E’ quanto stabilito dalla Prima corte d’Assise dall’Appello nel processo contro il clan del litorale romano che vede imputate 17 persone. Il maxi processo è nato dall’indagine della Dda di Roma, coordinata dai pm Ilaria Calo’ e Mario Palazzi, che aveva portato agli arresti avvenuti il 25 gennaio 2018 nel corso dell’operazione ”Eclissi”. Tra i reati contestati, a seconda delle posizioni, omicidio, estorsione, usura. 

Confermate anche le condanne per 17 imputati . La Prima Corte di Assise di Appello di Roma ha emesso condanne per oltre 150 anni. Ergastolo confermato per Roberto Spada e per Ottavio Spada detto Marco mentre è stata ridotta la condanna per Carmine Spada a 17 anni. Tutti e tre in primo grado erano stati condannati all’ergastolo. Ottavio Spada, detto ‘Maciste’, è stato condannato invece a 12 anni e mezzo.  

I giudici hanno inoltre condannato, riducendo lievemente le pene per alcuni, tra gli altri a 6 anni Nando De Silvio, Daniele Pergola, Alessandro Rossi, Saber Maioli mentre Fabrizio Rutilo è stato condannato a 7 anni di carcere. Cinque anni per Claudio Fiore e Mauro Caramia, mentre Mauro Carfagna è stato condannato a 2 anni e 11 mesi.  

Il pg Francesco Mollace aveva chiesto la conferma dei tre ergastoli inflitti in primo grado a Carmine, Ottavio e Roberto Spada, già condannato in via definitiva per la testata a Ostia al giornalista della Rai Daniele Piervincenzi. In primo grado, il 24 settembre 2019, la Terza Corte d’Assise di Roma aveva inflitto 17 condanne e 7 assoluzioni 

”La Corte d’Appello ha confermato oggi l’accusa di associazione a delinquere di stampo mafioso per il clan Spada. A Roma non c’è spazio per questi criminali. Noi siamo al fianco dei cittadini onesti che denunciano violenze e soprusi”. Così in un tweet la sindaca di Roma Virginia Raggi. 

Share.

Lascia un commento