Fondazione Menarini presenta la Carta di Firenze contro l’ageismo sanitario

La Fondazione Menarini si trova in prima linea nella battaglia contro le discriminazioni legate all’età nelle cure degli anziani. Durante il congresso “Anti-ageism Alliance”, organizzato con il patrocinio della Società Italiana di Gerontologia e Geriatria, dell’International Association of Gerontology & Geriatrics e della European Geriatric Medicine Society, è stata presentata la Carta di Firenze, il primo manifesto mondiale contro l’ageismo sanitario.

Il documento, pubblicato sull’European Geriatric Medicine e sviluppato da esperti di spicco a livello mondiale, tra cui esponenti dell’OMS, coordinati da Andrea Ungar, Ordinario di Geriatria presso l’Università di Firenze, ha identificato 12 azioni concrete per contrastare i pregiudizi legati all’età nell’assistenza sanitaria e per migliorare la qualità e la durata della vita degli anziani.

Alana Officer, capo del dipartimento sul Cambiamento Demografico dell’OMS e responsabile della campagna Healthy Ageing, sottolinea: “L’ageismo è un problema globale: una persona su due in tutto il mondo è moderatamente o fortemente ageista nei confronti degli anziani, con gravi impatti sulla loro salute fisica e mentale e un aumento dell’isolamento sociale.”

Ungar, coordinatore della Carta, evidenzia che nonostante molti operatori sanitari nel mondo si impegnino per garantire trattamenti avanzati agli anziani, il 40% è escluso dalle migliori cure e dagli studi clinici per la sperimentazione di farmaci, con conseguenti effetti negativi sulla longevità.

Le azioni proposte nella Carta di Firenze mirano a invertire questa tendenza, con un’enfasi sulla priorità agli anziani nei pronto soccorso, sulla ristrutturazione degli ospedali in modo da renderli più adatti agli anziani, riducendo l’isolamento e l’immobilismo dei pazienti a letto.

Luigi Ferrucci, co-coordinatore della Carta insieme a Andrea Ungar e Direttore Scientifico del National Institute on Aging di Baltimora, afferma: “È fondamentale un cambiamento nell’approccio alla cura degli anziani, che non può essere frammentato ma deve essere gestito globalmente dal geriatra come medico della complessità.”

Leggi anche...
I più recenti
Al via la Piattaforma Nazionale di Telemedicina in alcune regioni pilota

Al via la Piattaforma Nazionale di Telemedicina in alcune regioni pilota

differenze colpo di calore insolazione

Colpo di calore e insolazione: quali sono le differenze principali e come riconoscerli

quante volte mettere la crema solare

Quante volte mettere la crema solare? Ecco i consigli degli esperti

quante docce fare in estate

Caldo estivo, troppe docce fanno male? Ecco quante farne

Newsletter

Iscriviti ora per rimanere aggiornato su tutti i temi inerenti la salute.