Dl Semplificazioni, Conte: “Lista con 130 opere strategiche” 

LinkedIn

“Questo provvedimento, il dl Semplificazioni, rappresenta anche la base del ‘Recovery Plan’, la base del nostro rilancio”. Lo assicura il premier Giuseppe Conte in una conferenza stampa a Palazzo Chigi, aggiungendo: ”Avremo degli appalti più semplici e veloci, ci sarà l’affidamento diretto”, ha detto Conte, che ha parlato del via libera a una lista di “130 opere strategiche”. 

“Agli stati generali dell’economia è arrivato un appello corale a ridurre le burocrazie e far correre il Paese. Noi siamo sempre convinti di questa priorità e l’abbiamo realizzata con un decreto che semplifica, velocizza, digitalizza, sblocca una volta per tutte i cantieri e gli appalti. Questo decreto è il trampolino di lancio di cui l’Italia ha bisogno”, per uscire dall’emergenza “è necessario, per renderlo più agile e competitivo”, ha continuato il premier. Poi l’annuncio: “Questo pomeriggio inizierò un tour nelle capitali europee per elaborare la strategia finale in vista del Consiglio europeo”. 

”Non vogliamo abusi, non introduciamo condoni. Vogliamo solo valutazioni ambientali più semplici e veloci. Non è pensabile che occorrano 10 anni per la Pedemontana”, ha sottolineato, continuando: “D’ora in poi opere e cantieri non si bloccheranno più, si deciderà con una sentenza breve e la tutela sarà limitata” al “solo risarcimento danni”. Le “stazioni appaltanti – ha spiegato ancora Conte – avranno l’obbligo di precedere anche in presenza di contenzioso, oggi in presenza di un contenzioso anche minimo si bloccano: non accadrà più, salvo che non vi sia un provvedimento del giudice che espressamente blocca la stazione appaltante”. “Avremo anche un collegio dei tecnici per prevenire liti e risolvere dispute tecniche”, precisa il premier. “Diamo poteri regolatori a tutte le stazioni appaltanti. Non serve necessariamente un commissario per procedere velocemente, ma prevediamo che in casi complessi sia possibile nominare commissari sulla scia di Expo e del ponte di Genova”, ha sottolineato ancora Conte. 

“Oggi il rapporto con la Pa è vissuta dai cittadini come un percorso a ostacoli, una strada tortuosa in cui finiscono per impantanarsi anche i progetti migliori”, compresi quelli “dei giovani che vogliono lanciare start up e si ritrovano impantanati. Vogliamo migliorare tutto questo, lo facciamo con questo dl che offre una strada a percorrenza veloce. Alziamo il limite di velocità dell’Italia che deve correre, ma al contempo rafforziamo i presidi di legalità, gli autovelox”, ha spiegato. Capitolo “richieste e autorizzazioni. Stop alle attese infinite, le PA devono rispondere per tempo, entro i termini previsti” ed “esporre tutte le ragioni per il non accoglimento delle richieste dei cittadini”. Le “amministrazioni avranno 60 giorni per dare risposte”, puntualizza ancora Conte, che aggiunge: “Da ora in poi la PA deve pubblicare i tempi effettivi di durata delle pratiche, devono essere compatibili con i tempi previsti da legge. Ogni cittadino deve sapere se i tempi vengono sforati o rispettati”.  

Disco verde del Cdm al decreto ‘salvo intese’ arrivato dopo una riunione fiume 

”Avremo un Paese tutto a portata di click… Tutto sarà più semplice. Avremo meno scartoffie e un internet più veloce e a portata di tutti”, ha assicurato ancora il premier. 

Con la riforma dell’abuso di ufficio contenuta nel dl semplificazioni, spiega il presidente del Consiglio, “andiamo a colpire chi non fa, e non più il dirigente che si assume la responsabilità di firmare per sbloccare un’opera”. Su questo, “c’è stata larghissima convergenza nelle giornate ‘progettiamo il rilancio’, interveniamo per modificare e circoscriverne la portata ma non lo aboliamo affatto”. 

“Prevediamo – precisa ancora – una violazione di specifiche regole di condotta perché possa scattare la fattispecie criminosa e non più per principi generali”. 

“A breve – ha detto ancora – annunceremo un grande progetto in materia di banda larga, perché è stato anche quello al centro delle riflessioni a Villa Doria Pamphilij”’. 

Share.

Comments are closed.