Covid oggi Italia, Rt in calo a 1,11. Giù anche incidenza e ricoveri

(Adnkronos) –
Scende ancora l’indice di trasmissione Covid in Italia, pur restando sopra la soglia epidemica di 1. E cala l’incidenza a 374 casi ogni 100mila abitanti nel periodo 20-26 ottobre, contro i 448 casi/100mila del 14-20 ottobre. E’ quanto emerge dal monitoraggio di Istituto superiore di sanità e ministero della Salute.  

RT – Nel periodo 5-18 ottobre, l’Rt medio calcolato sui casi sintomatici è stato pari a 1,11 (range 1,00-1,23), in diminuzione rispetto alla settimana precedente quando era di 1,27. Anche l’indice di trasmissibilità basato sui casi con ricovero ospedaliero diminuisce, attestandosi al di sotto della soglia epidemica: è di 0,94 (0,91-0,97) al 18 ottobre, rispetto al valore di 1,09 (1,06-1,13) all’11 ottobre. Lo indica il monitoraggio di Istituto superiore di sanità e ministero della Salute.  

La percentuale dei casi rilevati attraverso l’attività di tracciamento dei contatti è stabile rispetto alla settimana precedente (9,9% vs 10,5%), sottolinea l’Iss nella sintesi del report. Stabile anche la percentuale dei casi rilevati attraverso la comparsa dei sintomi (54,9% vs 54,7%), come pure la percentuale dei casi diagnosticati attraverso attività di screening (35,2% vs 35%).  

RICOVERI – Calo dei ricoveri Covid in Italia. Il tasso di occupazione in terapia intensiva a livello nazionale scende al 2,2% (rilevazione giornaliera ministero della Salute al 27 ottobre), dal 2,4% (rilevazione al 20 ottobre). Il tasso di occupazione nelle aree mediche cala al 10,8% (rilevazione giornaliera ministero della Salute al 27 ottobre), dall’11,0% (rilevazione al 20 ottobre). Relativamente alle terapie intensive, l’occupazione più alta si registra in Umbria (4,7%), seguita da Abruzzo (3,9%), Liguria (3,5%), Emilia Romagna e Sardegna (3,4%), Pa di Trento (3,3%) e Marche (3%). Per tutte le altre regioni il tasso è inferiore al 3%. A Bolzano e in Valle d’Aosta il dato è dello 0%. 

REGIONI – Questa settimana in Italia solo una delle regioni/province autonome è classificata a rischio alto per Covid, per la presenza di molteplici allerte di resilienza; altre 7 sono a rischio moderato, mentre 13 sono a rischio basso. Dieci regioni/pa riportano almeno una allerta di resilienza, due riportano molteplici allerte.  

L’occupazione in area medica supera questo dato in Friuli Venezia Giulia (15,9%), Liguria (15,3%), Marche (15,1%), Pa di Bolzano (17,8%) e Pa di Trento (15,9%), alle quali si aggiungono la Valle d’Aosta sopra al 20% (23,9%) e l’Umbria sopra il 30% (34,7%). Lo riporta la tabella degli indicatori decisionali su incidenza, aree mediche e intensive, con i dati del monitoraggio Istituto superiore di sanità-ministero della Salute, visionata dall’Adnkronos Salute.  

 

Leggi anche...
Le Fonti - New Pharma Italy TV
Imprese d'Eccellenza
Non sono state trovate imprese
Non sono state trovate riviste
Non sono state trovate riviste
Non sono state trovate riviste
Non sono state trovate riviste
Non sono state trovate riviste
Rimani aggiornato
Speciale Coronavirus
Covid oggi Calabria, 158 contagi e 4 morti: bollettino 1 febbraio
Covid Italia, ricoveri in calo da sette settimane: report Fiaso
Covid oggi Toscana, 285 contagi e 14 morti: bollettino 1 febbraio
Covid oggi Sardegna, 236 contagi e 5 morti: bollettino 31 gennaio
Covid oggi Lazio, 1.114 contagi e 3 morti. A Roma 639 nuovi casi
Covid, Iss: “Resta emergenza, non abbassare la guardia e vaccinarsi”

ACCESSO NEGATO

Newsletter

Iscriviti ora per rimanere aggiornato su tutti i temi inerenti la salute.