Covid, da Wuhan ad Arturo: “Verso fine pandemia con brodo varianti”

(Adnkronos) – La ‘zuppa’ di varianti Covid in cui ci troviamo ‘immersi’ oggi, a oltre 3 anni dalla comparsa di Sars-CoV-2, ci porterà fuori dalla pandemia? “È verosimile che ci stiamo dirigendo verso una nuova era in cui il virus pian piano ridurrà le sue caratteristiche di diffusività e letalità”. Punta sulla competizione tra varianti come fattore in grado di decretare la fine dell’incubo Covid l’ipotesi prospettata da due studi italiani condotti da scienziati dell’università degli Studi dell’Insubria, come spiega Fabio Angeli, docente di Malattie dell’apparato cardiovascolare, che ha coordinato il gruppo di ricerca. Il lavoro degli esperti è pubblicato sulla rivista ‘European Journal of Internal Medicine’ e si concentra sulle varianti di Sars-CoV-2 in un viaggio dal virus Wuhan ad Arturo, l’ultima ‘figlia’ di Omicron (un ricombinante) che sta guadagnando terreno in particolare in alcune aree come l’India.  

Le analisi dei ricercatori italiani aprono all’ipotesi che la competizione tra nuove varianti del Sars-CoV-2 possa portare alla riduzione, seppure graduale, di mutazioni minacciose per l’uomo. Uno dei due lavori è uscito oggi e analizza l’evoluzione del virus dal 2020 ai tempi odierni, raccontando proprio come, negli ultimi mesi, le nuove varianti siano entrate in competizione tra loro, aprendo un nuovo scenario di speranza. Lo studio fa seguito a un articolo uscito nelle settimane scorse sempre sull’European Journal of Internal Medicine, nel quale gli studiosi avevano preso in esame gli effetti delle mutazioni sulla variante Kraken. Entrambi i lavori sono firmati da Angeli con Martina Zappa, biotecnologa dell’università dell’Insubria, e Paolo Verdecchia, ricercatore cardiovascolare di Perugia. 

“Nonostante il fatto che il meccanismo responsabile dell’infezione sia rimasto sostanzialmente immutato, l’evoluzione del virus osservata negli ultimi tre anni – commenta Angeli – è stata caratterizzata da numerose mutazioni che di fatto sono entrate in ‘guerra’ tra di loro. Ma negli ultimi mesi, questa competizione non ha portato alla dominanza assoluta di particolari varianti. Attualmente lo scenario pandemico è caratterizzato da un ‘brodo’ di diverse varianti, che fa ipotizzare (grazie ai risultati di complessi modelli matematici) una graduale riduzione nel tempo della probabilità di nuove mutazioni responsabili di maggiore diffusione ed aggressività del virus”. 

Lo studio dell’Insubria sta quindi ipotizzando che la competizione tra varianti possa decretare la fine della pandemia? “È verosimile – ribadisce Angeli – che ci stiamo dirigendo verso una nuova era in cui il virus pian piano ridurrà le sue caratteristiche di diffusività e letalità. Questa ipotesi dovrà essere valutata nel tempo, continuando a monitorare il Sars-CoV-2 e cercando di spiegare gli effetti delle restrizioni e della vaccinazione anti-Covid sulle mutazioni e caratteristiche del virus”.  

Leggi anche...

I più recenti

Al via la Piattaforma Nazionale di Telemedicina in alcune regioni pilota

Al via la Piattaforma Nazionale di Telemedicina in alcune regioni pilota

differenze colpo di calore insolazione

Colpo di calore e insolazione: quali sono le differenze principali e come riconoscerli

quante volte mettere la crema solare

Quante volte mettere la crema solare? Ecco i consigli degli esperti

quante docce fare in estate

Caldo estivo, troppe docce fanno male? Ecco quante farne

Newsletter

Iscriviti ora per rimanere aggiornato su tutti i temi inerenti la salute.