Coronavirus, Orlando: “Se serve, correggere decreto” 

“Se ci si è allargati oltre i settori che non sono strettamente necessari è giusto riflettere, ed eventualmente correggere il provvedimento”. Così Andrea Orlando, vicesegretario del Pd, commentando la chiusura delle attività produttive, annunciata sabato sera dal premier Conte. 

“Non possiamo – aggiunge – che muoverci per approssimazione, si interviene in campo essenzialmente nuovo, dobbiamo aver grande flessibilità a implementare i provvedimenti, credo che non sarà l’ultima volta che si interviene”. 

“Chiediamo ai sindacati pieno senso di responsabilità, che fino a ora hanno dimostrato, ma chiediamo anche al governo di mantenere aperto il confronto, è essenziale che non si rompa il filo del dialogo”, dice il vicesegretario del Pd ai microfoni di RaiNews24 soffermandosi sulle tensioni con le parti sociali, relativamente alle modalità di chiusura delle aziende. Per Orlando “si devono raccogliere tutte le istanze che riguardano la sicurezza dei lavoratori”. 

Matteo Renzi parla di comunicazione da reality? “Non è il momento di questo tipo di discussione, non commento queste dichiarazioni”, risponde Orlando riferendosi alle critiche del leader di Italia Viva, relativamente alla comunicazione messa in campo dal premier. 

 

 

Leggi anche...
Le Fonti - New Pharma Italy TV
I più recenti
Cos’è la malattia del cervo zombie: cause e sintomi
Che cos’è l’ipersonnia: può essere sintomo di una patologia
Tachicardia e reflusso sono collegati? Ecco cosa dicono gli esperti
Pericardite, quali sono i sintomi dell’infiammazione che ha colpito Crosetto

Newsletter

Iscriviti ora per rimanere aggiornato su tutti i temi inerenti la salute.