Coronavirus, Oms: “In Europa un terzo dei casi mondiali” 

“L’Europa è l’epicentro della prima pandemia di coronavirus e ogni paese, senza eccezioni, deve intraprendere le sue azioni più audaci per fermare o rallentare la diffusione del virus”. Ad affermarlo Hans Kluge, direttore per l’Europa dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) in una conferenza stampa. “A oggi, 146 paesi nel mondo sono stati infettati da questo nuovo virus e oltre 6.500 persone sono morte – ha aggiunto – Un terzo dei casi riportati è in Europa. L’azione più audace dovrebbe includere l’azione della comunità”.  

“Questo è un momento senza precedenti. È importante che i paesi lavorino insieme, imparino gli uni dagli altri e armonizzino gli sforzi. Il virus può essere respinto dalla solidarietà all’interno delle comunità, all’interno delle Nazioni e all’interno della nostra regione”, ha poi aggiunto. 

“La buona notizia è che la Regione europea è vigile e in guardia. Sono state varate misure di preparazione e risposta a più livelli in tutti i nostri Stati membri. L’epidemia sta progredendo a velocità diverse nei diversi paesi a seconda della demografia e di altri fattori”, ha sottolineato ancora Kluge. 

Leggi anche...
Le Fonti - New Pharma Italy TV
I più recenti
Cos’è la malattia del cervo zombie: cause e sintomi
Che cos’è l’ipersonnia: può essere sintomo di una patologia
Tachicardia e reflusso sono collegati? Ecco cosa dicono gli esperti
Pericardite, quali sono i sintomi dell’infiammazione che ha colpito Crosetto

Newsletter

Iscriviti ora per rimanere aggiornato su tutti i temi inerenti la salute.