Coronavirus, oltre 7.900 candidature a ‘Medici per Covid’ 

Sono oltre 7.900 le candidature raccolte in 24 ore con ‘Medici per Covid’. L’operazione, lanciata venerdì 20 marzo dal ministro per gli Affari regionali e Autonomie Francesco Boccia durante una conferenza stampa nella sede del Dipartimento della Protezione Civile, è terminata alle 20 di sabato 21. Prevedeva la possibilità di presentare la propria candidatura per entrare a far parte della task force di 300 medici che opereranno a supporto delle strutture sanitarie regionali impegnate nell’emergenza coronavirus. 

Nelle 24 ore in cui è stato possibile compilare il form online dedicato all’iniziativa ‘Medici per la Protezione civile, “il Dipartimento – informa la stessa Pc- ha raccolto oltre 7.900 candidature che saranno valutate nelle prossime ore. Ringraziamo tutti i medici che, su base volontaria, hanno aderito all’iniziativa”.​  

“Quasi 8 mila medici hanno risposto all’appello. Un atto di amore e di orgoglio per il Paese”, ha commentato Boccia su Facebook. “Quando abbiamo proposto una task force di medici da arruolare per fronteggiare l’emergenza coronavirus – scrive il ministro – molti pensavano che forse potessero arrivare 100 domande, noi ci abbiamo creduto fin dall’inizio. Abbiamo aperto un bando con la Protezione civile e siamo stati travolti dall’Italia migliore. Lo Stato farà di tutto per sostenerli e ringraziarli. Sarà una squadra di interposizione che partirà dalla Lombardia e poi si sposterà in tutta Italia dove servirà”. 

Leggi anche...
Le Fonti - New Pharma Italy TV
I più recenti
Cos’è la malattia del cervo zombie: cause e sintomi
Che cos’è l’ipersonnia: può essere sintomo di una patologia
Tachicardia e reflusso sono collegati? Ecco cosa dicono gli esperti
Pericardite, quali sono i sintomi dell’infiammazione che ha colpito Crosetto

Newsletter

Iscriviti ora per rimanere aggiornato su tutti i temi inerenti la salute.