Coronavirus Lombardia, 1640 vittime e 879 in terapia intensiva 

Sono 16.220 le persone positive al coronavirus in Lombardia, i decessi sono 1640, in aumento di 220 unità rispetto a ieri. Lo ha detto l’assessore al Welfare di Regione Lombardia, Giulio Gallera, in diretta su Facebook, facendo il punto sull’emergenza Covid-19. Si tratta di un numero “inferiore rispetto alla crescita di ieri – ha spiegato – ma sempre particolarmente alto”.  

I pazienti ricoverati in terapia intensiva in Lombardia a causa del coronavirus sono 879, 56 in più rispetto a ieri. “Ieri – ha detto Gallera – siamo arrivati a un momento in cui il numero delle terapie disponibili era veramente risicato. Oggi la forza del nostro sistema sanitario ha portato ad aprire nuove terapie, sono arrivati macchinari di intensiva e di subintensiva nella notte e dalla Protezione civile sono arrivati 14 respiratori già distribuiti nei nostri ospedali”.  

Inoltre, ha aggiunto, “30 respiratori di subintensiva sono arrivati dalla Cina e un cargo della Croce rossa li ha portati nella notte”. Quanto al numero dei pazienti ricoverati non in terapia intensiva, Gallera ha precisato che sono 6.953, 782 in più rispetto a 24 ore fa. “Una crescita inferiore rispetto a ieri – ha osservato Gallera – è un dato che potrebbe essere positivo ma non possiamo aggrapparci a questo”. 

 

 

 

Leggi anche...
Le Fonti - New Pharma Italy TV
Imprese d'Eccellenza
Non sono state trovate imprese
Non sono state trovate riviste
Non sono state trovate riviste
Non sono state trovate riviste
Non sono state trovate riviste
Non sono state trovate riviste
Rimani aggiornato
Speciale Coronavirus
Covid oggi Toscana, 390 contagi e nessun decesso: bollettino 31 gennaio
Covid, Gismondo: “Quella dell’Oms non è prudenza ma strategia politica”
Covid oggi Calabria, 64 contagi e 2 morti: bollettino 30 gennaio
Covid, Andreoni: “Oms conferma emergenza globale, tenere alta attenzione”
Covid, Bassetti: “Valutazione Oms è su Cina, in Italia non è più emergenza”
Covid, Oms: “Continua a essere emergenza di sanità pubblica”

ACCESSO NEGATO

Newsletter

Iscriviti ora per rimanere aggiornato su tutti i temi inerenti la salute.