Coronavirus, il virologo: “Disinfettare smartphone ogni giorno” 

In tasca, in macchina, in camera da letto e anche al bagno. Il cellulare è sempre con noi e, al tempo dell’epidemia di coronavirus, questo attaccamento presenta dei rischi. “Gli smartphone possono essere un ricettacolo di tanti microrganismi, quindi anche del coronavirus. Meglio pulirli per bene ogni giorno e anche più spesso, se si è stati in luoghi o spazi dove c’è stato un caso di coronavirus”. A spiegarlo all’Adnkronos Salute è Matteo Bassetti, direttore della Clinica delle malattie infettive dell’ospedale San Martino di Genova e presidente della Società italiana terapia anti-infettiva (Sita). 

“E’ risaputo che il 90% delle persone, soprattutto i giovani, non pulisce mai il proprio cellulare – prosegue Bassetti – Mentre basta poco: ad esempio il Vetril con un panno umido. L’alcol denaturato non è un disinfettante, ma un batteriostatico quindi non uccide i germi, li essicca temporaneamente. Se si vuole si può usare l’acol etilico al 70%, elimina completamente i germi e possiamo di nuovo usare il nostro cellulare senza problemi”.  

Leggi anche...
Le Fonti - New Pharma Italy TV
Imprese d'Eccellenza
Non sono state trovate imprese
Non sono state trovate riviste
Non sono state trovate riviste
Non sono state trovate riviste
Non sono state trovate riviste
Non sono state trovate riviste
Rimani aggiornato
Speciale Coronavirus
Covid Italia, ricoveri in calo da sette settimane: report Fiaso
Covid oggi Toscana, 285 contagi e 14 morti: bollettino 1 febbraio
Covid oggi Sardegna, 236 contagi e 5 morti: bollettino 31 gennaio
Covid oggi Lazio, 1.114 contagi e 3 morti. A Roma 639 nuovi casi
Covid, Iss: “Resta emergenza, non abbassare la guardia e vaccinarsi”
Covid oggi Calabria, 235 contagi e 3 morti: bollettino 31 gennaio

ACCESSO NEGATO

Newsletter

Iscriviti ora per rimanere aggiornato su tutti i temi inerenti la salute.