Coronavirus, Burioni: “Chiudere tutto? Richiesta Lombardia non è una cattiva idea” 

Chiudere tutto, tranne i servizi essenziali, per ripartire il prima possibile? “Quella di Regione Lombardia non mi sembra una cattiva idea”, dice all’Adnkronos Salute Roberto Burioni, ordinario di virologia e microbiologia dell’Università San Raffaele di Milano, intervenendo sull’emergenza coronavirus. “Siamo chiari, il nuovo decreto di fatto dice la stessa cosa: stare a casa tranne che per andare a lavorare, fare la spesa, andare in farmacia. Se i cittadini rispettassero alla lettera queste indicazioni, non ci sarebbe bisogno di misure più stringenti. Ma se questo non accade, allora le cose cambiano”. 

“E lo vedremo subito. La gente – insiste Burioni – deve capire che deve stare a casa, e deve farlo con le buone, o con le cattive. Questo virus – conclude l’esperto – non è un’influenza, credo che ormai si sia capito. Per fermare la sua corsa è essenziale limitare al massimo i contatti e rispettare in tutta Italia le indicazioni – conclude – che ormai sono note a tutti”. 

Leggi anche...
Le Fonti - New Pharma Italy TV
Imprese d'Eccellenza
Non sono state trovate imprese
Non sono state trovate riviste
Non sono state trovate riviste
Non sono state trovate riviste
Non sono state trovate riviste
Non sono state trovate riviste
Rimani aggiornato
Speciale Coronavirus
Covid oggi Lombardia, 4.929 contagi e 178 morti in ultimi 7 giorni
Covid oggi Lazio, 630 contagi e 7 morti. A Roma 354 nuovi casi
Covid oggi Emilia, 2.397 contagi e 23 morti: bollettino ultima settimana
Covid oggi Sardegna, 122 contagi: bollettino 3 febbraio
Covid oggi Calabria, 129 contagi e 2 morti: bollettino 3 febbraio
Covid oggi Abruzzo, 1.248 contagi e 5 morti: bollettino ultima settimana

ACCESSO NEGATO

Newsletter

Iscriviti ora per rimanere aggiornato su tutti i temi inerenti la salute.