Coronavirus, Boccia: “Chiudere tutto non si può” 

“Chiudere tutto non si può. Perché si spegne la luce e c’è il buio. Abbiamo bisogno di rafforzare la sanità e far arrivare il cibo agli italiani. Per fare questo alcune filiere devono lavorare”. Lo ha detto il ministro per gli affari regionali Francesco Boccia, a ‘La vita in diretta’. 

“Sono preoccupato, sarebbe incosciente non esserlo – ha sottolineato – Sto scoprendo anche io la necessità di stare in casa, rinunciare ad alcune abitudini, sapendo che stiamo facendo questo per permettere a donne e uomini straordinari che lavorano negli ospedali di lavorare per tutti noi”.  

“Ai miei figli spiego che dobbiamo fare sacrifici, stare in casa, vedere un film, leggere un libro, raccontare – ha spiegato Boccia – Ai ragazzi dico, fate i compiti ogni giorno, studiate a casa. La mia piccola studia con la mamma e sa che a un certo punto c’è da stare seduti e fare i compiti”.  

 

 

Leggi anche...
Le Fonti - New Pharma Italy TV
Imprese d'Eccellenza
Non sono state trovate imprese
Non sono state trovate riviste
Non sono state trovate riviste
Non sono state trovate riviste
Non sono state trovate riviste
Non sono state trovate riviste
Rimani aggiornato
Speciale Coronavirus
Covid oggi Lazio, 761 contagi: a Roma 427 casi
Covid, da Roche un nuovo test per sottovariante Kraken
Covid oggi Sardegna, 179 contagi e 2 morti: bollettino 26 gennaio
Covid oggi Toscana, 275 contagi e zero morti: bollettino 26 gennaio
Covid oggi Lazio, 779 contagi e 6 morti. A Roma 430 nuovi casi
Covid oggi Sardegna, 125 contagi e 4 morti: bollettino 25 gennaio

ACCESSO NEGATO

Newsletter

Iscriviti ora per rimanere aggiornato su tutti i temi inerenti la salute.