Coronavirus, “arriverà al Sud: ospedali dovevano essere già pronti”  

“Covid-19 arriverà anche al Sud: è evidente che l’epidemia si sposta in maniera veloce. Gli ospedali di tutta Italia dovevano già essere pronti da un mese. Perché di fronte a queste emergenze il sistema sanitario deve rispondere con i piani di preparazione”. Lo spiega all’Adnkronos Salute Pier Luigi Lopalco, docente di Igiene all’università di Pisa.  

Lopalco sottolinea la velocità di diffusione del coronavirus. In Cina – ricorda – ci hanno messo 6 settimane a rallentarla, utilizzando misure durissime che non sono nemmeno lontanamente vicine a quelle del nostro Paese”.  

“La chiusura delle scuole può essere una misura utile solo se sarà prolungata. L’impatto di uno stop di 10 giorni non è nemmeno visibile, difficile infatti osservare e studiare le differenze sui contagi in questo breve lasso di tempo”, aggiunge. 

“E’ utile, come per le altre misure adottate – spiega ancora Lopalco – andare a vedere cosa è successo in Cina, dove l’epidemia sta rallentando. Le scuole sono state chiuse dall’inizio e sono ancora chiuse”.  

 

Leggi anche...
Le Fonti - New Pharma Italy TV
Imprese d'Eccellenza
Non sono state trovate imprese
Non sono state trovate riviste
Non sono state trovate riviste
Non sono state trovate riviste
Non sono state trovate riviste
Non sono state trovate riviste
Rimani aggiornato
Speciale Coronavirus
Covid, Gismondo: “Quella dell’Oms non è prudenza ma strategia politica”
Covid oggi Calabria, 64 contagi e 2 morti: bollettino 30 gennaio
Covid, Andreoni: “Oms conferma emergenza globale, tenere alta attenzione”
Covid, Bassetti: “Valutazione Oms è su Cina, in Italia non è più emergenza”
Covid, Oms: “Continua a essere emergenza di sanità pubblica”
Covid oggi Toscana, 87 contagi e un morto: bollettino 30 gennaio

ACCESSO NEGATO

Newsletter

Iscriviti ora per rimanere aggiornato su tutti i temi inerenti la salute.