Burioni: “Contagi sottostimati, ultimi dati non devono rasserenare” 

“Non dobbiamo guardare con particolare attenzione al numero dei contagi, perché è molto sottostimato. E’ difficile fare una stima precisa”. Lo ha detto il virologo Roberto Burioni, intervenendo a Che tempo che fa di Fabio Fazio. “Allo stesso modo – dice -io, da medico, seguo una ventina di persone che hanno certamente il coronavirus, ma a nessuno è stato fatto il tampone. In questo momento non è necessario fare il tampone a tutti, dobbiamo comportarci come se ognuno di noi fosse infettivo”. E ancora: “Il problema è che si è infettivi due giorni prima del sintomo – spiega Burioni – questi pazienti a casa che non hanno gravi sintomi, hanno diagnosi clinica ma senza test, devono uscire ma prima di uscire devono essere certi che non hanno il virus”.  

“I dati di oggi sul coronavirus non ci devono rasserenare, la partita è ancora aperta”, aggiunge commentando i dati odierni. “Dobbiamo pensare non a quei pochi che trasgrediscono ma alla grandissima maggioranza degli italiani che ha fatto il proprio dovere – dice – Abbiamo visto in Cina che i primi frutti si sono avuti 14 giorni dopo il lockdown. Chiaramente è un segno molto tenue e debole, però ci autorizza a pensare che tutti i sacrifici che stiamo facendo sono utili. Ma ci invita a essere ancora più rigorosi perché è davvero una partita ancpra aperta”. 

 

Leggi anche...

I più recenti

effetti abbronzatura rimedi

Gli effetti del sole: dall’abbronzatura ai rimedi della nonna

New Pharma Italy su Adnkronos: più contenuti e una veste grafica completamente nuova

giornata mondiale donatori sangue 2024

Giornata mondiale dei donatori di sangue: ecco le iniziative italiane

protesi al seno divieto minorenni

Chirurgia estetica: protesi al seno per soli fini estetici vietate alle under 18

Newsletter

Iscriviti ora per rimanere aggiornato su tutti i temi inerenti la salute.